POESIA

L’incontro col Maestro Arthur Rubinstein ha segnato l’inizio della mia propensione per l’arte.

Era alla fine degli Anni Sessanta e il grande Maestro, che aveva già superato gli ottant’anni ma conservava l’animo di un fanciullo, veniva in Italia per registrare le sue interpretazioni presso gli Studi della RCA.

All’epoca lavoravo come segretaria di direzione presso gli Studi di registrazione e mi chiese di assisterlo durante la permanenza.

Scoprendomi autrice di poesie, mi incoraggiò a coltivare questa inclinazione artistica.

Rubinstein mi disse che solo attraverso l’espressione artistica gli uomini sono in grado di comunicare correttamente.

Negli anni a seguire ho continuato a scrivere versi, dando libera voce alle mie sensazioni più intime.

L’idea, poi, di pubblicarli in raccolte è mossa dalla certezza che la condivisione può essere un balsamo, sia per chi scrive che per chi legge parole dettate dal cuore.

Share This